Area Stampa

marzo 2018

The World’s Best Barolos – I migliori Barolo del Mondo

Natalie Sellers | Febbraio 2018, Wine Searcher

Adagiato sulle colline ai piedi delle Alpi, nel Nord Italia, troviamo il Piemonte, un paradiso dei golosi.
Il Piemonte è la patria […] dei famosi tartufi che nascono spontaneamente su queste colline. Famoso per essere difficile da trovare, il tartufo richiede il naso esperto di un cane da tartufo (o, se vi sentite particolarmente tradizionalisti, di un maiale) per essere scovato, per poi raggiungere cifre di centinaia o persino migliaia di Euro. Perciò cosa si potrebbe bere con una tale prelibatezza? Ebbene, il Piemonte ha pensato anche a questo: il Barolo.
Come il tartufo, il Barolo non è economico. Tradizionalmente prodotto sulle colline del Comune di Barolo e dei paesi vicini, come Castiglione Falletto e Serralunga d’Alba, un vino può fregiarsi del titolo di Barolo solo dopo 38 mesi di invecchiamento, oppure 62 mesi nel caso della Riserva.
Può essere prodotto solo con l’uva Nebbiolo, nativa della zona. Esigente e difficile da coltivare, questa varietà promette grande complessità e, quando viene rispettata, esprime le classiche note di rosa, spezie e tutte le interessanti sfaccettature che hanno reso famoso il Barolo. Ovviamente, tutto questo non è economico, perciò non dovete stupirvi del prezzo che alcuni di questi grandi vini impongono.
Negli anni ’80, un cambio di direzione verso vini più giovani e fruttati, che non abbiano passato dieci anni in cantina, ha portato alla nascita di uno stile di Barolo più “moderno”. Naturalmente, quest’evoluzione venne inizialmente accolta con ribrezzo – c’è una ragione per la quale la ruota è stata inventata una sola volta. Non si può semplicemente distruggere una profonda tradizione italiana senza che nessuno se ne accorga. E infatti tutti se ne sono accorti, alimentando, in puro stile italiano, la diatriba tra tradizionalisti e modernisti. In ogni caso, da allora le acque si sono calmate e c’è una crescente coscienza del fatto che ci sia posto per entrambi nel Mondo.
Quindi, come bravi maiali da tartufo, abbiamo scovato i migliori 10 Barolo secondo i punteggi dei critici comparati da Wine Searcher. Alcuni saranno di stile più tradizionale, altri più moderni, ma tutti degni di un posto tra i migliori 10.
[…]

 
10. Massolino Vigna Rionda Riserva, Barolo DOCG Chiudiamo la nostra avventura italiana con il vino di un’azienda a conduzione familiare, Massolino. Fondata nel 1896 da Giovanni Massolino, la cantina è solo una delle imprese di Giovanni. Descritto come un uomo “tenace e ingegnoso”, non solo fondò l’azienda, ma portò anche l’elettricità a Serralunga d’Alba. Il figlio di Giovanni, Giuseppe, prese poi le redini dell’attività di famiglia con entusiasmo, costruendo la prima cantina e partecipando alla creazione del Consorzio per da difesa di Barolo e Barbaresco. Ebbe sei figli, dei quali tre continuarono a condurre l’azienda, acquistano le prestigiose vigne di Margheria, Parafada e Vigna Rionda. Ed è proprio la Vigna Rionda a chiudere la nostra lista. Commercializzato solo dopo sei anni dalla vendemmia, questo è un grande vino da lungo invecchiamento. L’annata 2004 guadagnò 18 punti da Walter Speller (Jancis Robinson) ed è adatto ad invecchiare almeno fino al 2046(!). quindi, con un punteggio di 93, che sicuramente lo inserisce tra i grandi vini, e con un prezzo medio di $ 109, è uno dei più accessibili della lista.

 
Dunque, questo maiale da tartufo a scovato alcune delizie ed ora potete sedervi con la vostra fonduta di fontina e aprire una buona bottiglia – solo, fate attenzione che abbia almeno 10 anni.

winesearcher