Dovendo disporre di un edificio in cui poter sistemare un piccolo ESERCITO, e poiché i castelli che la famiglia Falletti già possedeva nella zona erano validi come abitazioni, ma assicuravano scarsa protezione, Serralunga rappresentava una scelta scontata, in quanto, grazie alla sua posizione geografica, assicurava già una valida difesa. L’ubicazione del castello doveva inoltre permettere la trasmissione di messaggi visivi in rete con i castelli circostanti. Nel 1340 Pietrino Falletti entrò in possesso della parte di FEUDO di Serralunga del Marchese di Saluzzo e commissionò la costruzione del castello. Non si sa esattamente chi l’abbia progettato e costruito, così come non è chiaro in quale anno esattamente sia stato ultimato. La FORTEZZA colpisce immediatamente per lo slancio e la verticalità della sua architettura gotica; è connotata da due torri e costituisce l’unico esempio rimasto in zona di costruzione difensiva. Ricorda i “DONJON” francesi e non è escluso che sia stato progettato e costruito da un architetto francese, visti i frequenti contatti dei Falletti con i transalpini.